sabato 30 gennaio 2016

Google, adesso mi rovini pure le emoji?

Io adoro Google, davvero, adoro i suoi prodotti, la perfetta sincronizzazione tra tutti i suoi servizi e le novità che ogni anno tira fuori. Ma c'è una cosa che non capisco, non capirò mai e mi farà sempre imbestialire: la sua lentezza.
Google è lenta. Ma non lenta nello stare al passo con la tecnologia, anzi, molto spesso da quel punto di vista è avanti a tutti, è lenta nello stare al passo con le innovazioni che lei stessa apporta. E questa cosa è assurda!
Un esempio? Il Material Design. Presentato quasi due anni fa e che ancora non è stato implementato in tutte le applicazioni e i servizi di BigG, soprattutto se parliamo di servizi desktop. Alcuni siti ce l'hanno, altri no, alcuni hanno un stile ultra-moderno, altri hanno un aspetto meno attuale di quello di Windows 98.
La grafica di Google Calendar Web, non c'è bisogno di commentare.
"Eh vabbé, ma è complicato aggiornare la grafica di tutti i siti di Google mantenendoli funzionali, ci va del tempo." Va bene, allora vogliamo parlare delle applicazioni mobile. Ok, quelle bene o male sono tutte in Material, ma ho una domanda: il nuovo design non doveva unificare? E allora perché diamine metà hanno uno stile e metà ne hanno un altro? Alcune hanno la Action Bar in alto (YouTube), altre in basso (Google+) e altre ancora non ce l'hanno proprio (GMail). Alcune hanno il menù FAB (Hangout), altre no (Play Music). Ma questo è unificare?
Play Music, senza Action Bar né menù FAB
YouTube, con Action Bar in alto e menù FAB
"Eh vabbé, ma ci sono diversi tipi di Material Design, uno deve seguire le linee guida ma poi può mettere gli elementi che vuole." Per la seconda volta: ok, ci sta. Ma ditemi una cosa: le emoji anche sono difficili da aggiornare e possono essere diverse? E non intendo diverse tra un'app di messaggistica e l'altra (in quel caso è ovvio che sia così), ma diverse all'interno della stessa app semplicemente passando dalla versione mobile a quella web. Eh già, perché le emoji di Hangout sono differenti a seconda della piattaforma che usate. Nell'applicazione mobile sono fatte in un certo modo e hanno una certa disposizione, nella versione desktop sono fatte in un altro modo e hanno un'altra disposizione. Cioè. Ma. Che. Caz... Ok, non è il caso di alzare i toni. Però vorrei davvero capire che cosa passa per la testa dei programmatori di Google. E la mia non è una polemica "tanto per", quello delle emoji è solamente un esempio per far capire quanto la lentezza di Google possa danneggiare la stessa BigG, che con il suo atteggiamento lento e poco attento (ancora qualche -ento?) peggiora l'esperienza che, alla fine, è ciò che interessa agli utenti.
Teniamo l'esempio delle emoji che calza alla perfezione (e mi sembra anche giusto, se no non avrei usato quello). Eccole nell'app mobile:
Ed eccole nella versione web:
Punto numero 1: le emoji cambiano. E sì, lo so, quelle della versione web sono nuove e prima o poi verranno inserite anche in Hangout mobile. Come dite? Metà le hanno spudoratamente copiate da WhatsApp? Nooo, ma figuriamoci! Comunque, io passo diverse ore al giorno davanti al computer e in quelle ore, siccome c'è la comoda estensione di Google Chrome, uso la versione web di Hangout. Peccato che quando mando un messaggio e utilizzo un'emoji (e sì, mi spiace ammetterlo ma ne uso tante Dx) metà delle volte il destinatario, se utilizza lo smartphone, riceve un messaggio con delle faccine diverse. E se cambia la faccina cambia il significato. Questo perché non le hanno aggiornate mantenendo la stessa "espressione", le hanno proprio cambiate! Cioè, voi inviate questa: e ad arrivare è questa: Assolutamente identiche mi hanno detto!
Punto numero 2: la disposizione è differente. Sembra una cosa insignificante, ma non lo è. Se utilizzate entrambe le versioni, il passare da una all'altra vi farà perdere un sacco di tempo a cercare quella maledetta faccina che era lì, dannazione era lì, perché non c'è più? Ah, perché l'hanno spostata, o peggio, sostituita. Come ho detto, sembra una cosa insignificante, ma non lo è. Non lo è perché peggiora l'esperienza di utilizzo, e anche se ci vorranno giusto un paio di secondi per ritrovare quella "maledetta faccina", saranno stati due secondi buttati. Ora, io capisco che aggiornare la grafica di un intero sito web sia complicato (anche se due anni, miseria...) o che il Material Design possa avere tante sotto-categorie, ma possibile che ci vogliano mesi anche per aggiornare una cavolata come le emoji? Perché non è che sono così da due giorni, la situazione è questa da settimane! E ripeto, le emoji saranno una cavolata o un esempio stupido, ma le applicazioni (così come i siti o addirittura i sistemi operativi) sono fatte di dettagli, tanti piccoli dettagli che, se curati, portano a quella che poi sarà una soddisfacente esperienza utente. Se invece vengono date le basi ma il tutto rimane grezzo o magari una parte viene ultimata e le altre no, l'esperienza sarà inevitabilmente peggiore, e l'utente si stuferà. So che questo è un articolo fine a se stesso, che nessuno in Google leggerà mai questa pappardella e che la situazione continuerà a rimanere la stessa, però fossi in loro ci ragionerei. 
È inutile cercare di fare grandi cose se non si è in grado di gestire quelle piccole. P.S. L'impaginazione dell'articolo fa schifo, lo so, ma ehi sto utilizzando Google Blogger che guarda caso non permette di fare di meglio perché non lo aggiornano da millenni. -_-